Navigate / search

Bella e brava, ma non troppo. Il personal branding di Maria Sharapova

Se ti occupi di comunicazione, o ti interessa per lavoro studiare da vicino l’immagine di personaggi famosi, non puoi non occuparti della gestione del personal brand della tennista Maria Sharapova, numero uno nelle classifiche mondiali e vincitrice (dopo il recente successo al Roland Garros) del Grande Slam della carriera.

Hai presente la campionessa bionda e longilinea (nata in Siberia ma di origine bielorussa), alta un metro e novanta e famosa per le sue urla in campo, che raggiungono i 105 decibel? Quella che periodicamente appare su molte copertine di riviste patinate internazionali? Quella che ha cominciato il torneo di Wimbledon vincendo facile al primo turno? Ecco, Maria Sharapova è lei. E se hai visto anche solo una volta una sua fotografia, è probabile che ne ricorderai il volto e il fisico da indossatrice. Leggi tutto

Crisi? La crescita della tua impresa è fatta di cultura

Oscar Farinetti, fondatore di Eataly
Oscar Farinetti, fondatore di Eataly

Sono settimane (ormai mesi) nei quali telegiornali e quotidiani aprono i loro notiziari e prime pagine con informazioni e commenti sull’andamento della nostra economia. Siamo circondati spesso di negatività, il nostro pensiero va costantemente alla precarietà del lavoro, o al futuro dei risparmi (e di conseguenza all’avvenire dei nostri figli).

Per diradare un po’ la nebbia di notizie fosche, prendo spunto da alcuni dati di scenario per condividere insieme a te l’importanza della cultura d’impresa, così come dell’impresa della cultura. Sembra un gioco di parole, ma non lo è. Nonostante la crisi, c’è comunque un’Italia che continua a crescere. Proviamo a capire insieme come potremmo farne parte. Leggi tutto

Quante energie sprecate nel gestire le email non efficaci

Quante volte hai ascoltato questa frase. Magari anche oggi stesso.

«Ti ho mandato un’email»

Come per dire: io quella cosa te l’ho detta! E sì perché nell’epoca delle tante (troppe) email, la posta elettronica ha sostituito di fatto la raccomandata (senza ricevuta di ritorno). È un modo per proteggersi dai classici equivoci del colloquio “faccia a faccia”, che in assenza di testimoni può diventare tutto e il contrario di tutto. Scripta manent, dicevano i latini. Leggi tutto