Navigate / search

Il coccodrillo di Steve Jobs

Ho scritto in 45 minuti, a braccio, il coccodrillo di Steve Jobs. È il testo che trovi strillato oggi nell’home page del portale Treccani.

In ambito giornalistico il “coccodrillo” è un servizio pubblicato all’indomani della scomparsa di una celebrità o di una personalità importante per onorarne la memoria in maniera adeguata.

Càpita – da professionista della comunicazione – di dover scrivere in fretta. Spesso un evento, come la morte del fondatore di Apple, arriva improvvisa nelle redazioni.

Mi sembrava, a memoria, di non sapere nulla della biografia di quest’uomo. Non ho fatto altro che chiudere gli occhi e immaginare il mondo intorno a me. Se la nostra vita oggi è diversa da quella del millennio precedente, è merito anche di Steve Jobs.

È grazie a un ragazzo che decise di abbandonare l’università per non fare spendere ai genitori adottivi i risparmi di tutta la loro vita. Che dormì sui pavimenti del college per seguire improbabili corsi di calligrafia. Che agli studenti di Stanford disse “siate sognatori, affamati e folli”.

Come ho scritto nel pezzo per Treccani, sebbene spesso il mondo cerchi di convincerci che le possibilità di influenzare gli eventi, di modificare la loro esistenza, di concretizzare le speranze, di creare e di crearsi una vita a propria misura – fatta di felicità e soddisfazione – siano pari a zero, la vita e il messaggio che ci lascia Steve Jobs ci fa credere di più nelle nostre forze.

Ripenseremo alle sue parole quando sosteneva che “nella vita le sconfitte sono le svolte migliori. Perché costringono a pensare in modo diverso e creativo”.

.

Leggi il mio articolo sul portale Treccani

Scrivere un coccodrillo: l’incredibile caso di Liz Taylor

Comments

Ilaria Cardani
Reply

Alessandro ho letto il tuo “coccodrillo” sul portale Treccani e l’ho trovato molto sintetico ed esaustivo e completo nello stesso tempo.
Tante cose sono state dette su Steve Jobs quando era in vita e tante vengono dette da ieri, quando si è appresa la notizia della sua scomparsa.
Io ne ho ammirato la profonda coerenza di pensiero e di azioni: è quella che, secondo me, gli ha permesso di essere il formidabile comunicatore che è stato (e che continuerà a essere…).

Alessandro
Reply

Anche se tutti ne hanno scritto, e tirato per la giacchetta, ed evidenziato i lati negativi del carattere, Mister Jobs resta un grande esempio di new economy dei nostri tempi.

Leave a comment

name*

email* (not published)

website