Navigate / search

Renzi a scuola da Papa Bergoglio

Non so se nella valanga di commenti su Renzi, qualcuno ha già scritto che il neo segretario del Pd ricorda Papa Bergoglio. A me sì, e anche parecchio nella scelta dei gesti che fanno comunicazione. Come quello di convocare lo staff della sua segreteria alle 7.30 del mattino. Un messaggio che dice ai suoi elettori: ora non perderemo più tempo. «Di che vi stupite? La Merkel mi ha ricevuto all’alba delle 6.30…» ha detto Renzi, raccontando il suo incontro con la cancelliera tedesca.

Leggi tutto

Può Brunetta darci idee di comunicazione?

La comunicazione della tua impresa assomiglia a un colapasta che schizza vapori iridescenti a trecentosessanta gradi? Ognuno in ufficio dice la sua e non si riesce ad assumere un’identità comune? Il problema non è di poco conto, specie se l’azienda in questione ha un pubblico che vi osserva da molto vicino.

Per “molto vicino” non intendo solo attraverso i media tradizionali (pubblicità, giornali, radio, televisioni) ma anche dalle finestre dei social network, dagli interstizi del marketing, dai buchi della serratura delle convention o dalle semplici riunioni con i clienti.

Il mondo vi guarda, ma soprattutto vi ascolta. E vi giudica. Allora – regola numero uno – come nelle migliori famiglie, occorre concordare una linea comune che ci dia una coerenza verso i nostri interlocutori (giornalisti, utenti, consumatori, fornitori, competitor). Insomma per tutti coloro che si relazionano con voi.

Leggi tutto

Storytelling politico: Thatcher privata, la forza di una casalinga pop

Su questo blog, talvolta analizzo lo storytelling politico (e non) di personaggi famosi. È un argomento di cui parlo volentieri con amici, colleghi e clienti. Lo ritengo un esercizio molto utile per capire come utilizzare alcune leve che smuovono la comunicazione e il personal branding di un’impresa.

Ti consiglio di guardare, valutare e commentare queste informazioni da due differenti punti di vista. Da quello del comunicatore-giornalista, che confronta il proprio modo di cercare informazioni interessanti e notiziabili. E da quello poi dell’imprenditore (o professionista), alle prese con il restyling della propria immagine aziendale.

Pensa dunque all’efficacia che avrebbe il “raccontare storie” di persone, di una squadra che fornisce un servizio, di un team che lavora a un prodotto, di un’impresa a carattere familiare che cerca di differenziarsi puntando sui valori piuttosto che sulle caratteristiche tecniche di un business.

C’è molto da fare, da imparare. E da confrontarsi. Per reagire e non sparire nell’anonimato. Leggi tutto

Storytelling politico: perché Berlusconi ha smacchiato Bersani

Gli americani ci vanno giù ancora più pesanti. All’indomani della sconfitta dei democratici nel 2004, James Carville – uno degli strateghi della vittoria di Bill Clinton nel 1992 – ammise: «Il linguaggio usato dai nostri avversari è arrivato più in profondità. I Repubblicani dicevano: vi proteggeremo dai terroristi di Teheran e dagli omosessuali di Hollywood. Noi invece abbiamo detto: siamo per l’aria pura, scuole migliori, più assistenza sanitaria. Loro raccontano una storia, noi recitiamo una litania».

Emozioni semplici contro schemi concettuali, riservati a pochi eletti. Vi ricorda qualcosa? Leggi tutto

Che c’entra Torino Storytelling col fratello di Montalbano?

Conosci Barack Obama?
Conosci Silvio Berlusconi?
Conosci Nicola Zingaretti?
Conosci te stesso?

Non è un estratto delle domande fatte ai candidati del recente “concorsone” (anche se il livello di stranezza potrebbe sembrare quello). In questo post voglio parlarti dell’arte di raccontare storie, dello storytelling politico come condivisione di valori sociali (e volendo anche imprenditoriali). E infine di alcuni miei progetti in questo senso. Dei miei sogni attuali.

Partiamo da Obama. Un folle fa strage in una tranquilla scuola del Connecticut e lascia sul terreno insanguinato 28 vittime, di cui 20 bambini che potrebbero essere i nostri. Il presidente degli Stati Uniti d’America – appena rieletto qualche settimana fa – si presenta in conferenza stampa di fronte al mondo e piange in diretta. Le lacrime gli riempiono gli occhi, Obama è costretto ad asciugarsele a più riprese.

La voce gli si spezza quando parla di «bambini di 7 e 10 anni che non avranno più feste di compleanno né vite da vivere». Di ragazzini rifugiatisi in un bagno che dicono all’insegnante «Vogliamo solo Natale, non vogliamo morire». Una commozione evidente, drammatica, senza precedenti da quando si è insediato alla Casa Bianca. Chiude parlando da padre: «Questa sera con Michelle stringeremo forti a noi le nostre figlie, come molti genitori in Connecticut non riusciranno più a fare».

Stringi i denti e seguimi. Obama avrebbe potuto attaccare il suo discorso con rabbia “razionale”. In genere, quando accadono fatti di questo tipo, i suoi consiglieri politici lo spingono a rilanciare il tema della “nazione troppo violenta”. In concreto, significa sfidare i diktat della National Rifle Association (la potente lobby capace di condizionare le scelte del Congresso) e spingere per nuove leggi contro il libero possesso delle armi da fuoco.

Ma Obama ha ascoltato il suo cuore e ha raccontato delle storie. «Oggi sono state spazzate delle vite, i nostri cuori sono spezzati». La commozione a nostro avviso è sincera. Forse perché è la sua storia personale a testimoniarlo. L’attuale premier da giovane faceva l’avvocato di strada, quello che difende gratuitamente gli sbandati, i senzatetto, gli alcolisti. Se dentro di lui c’è ancora una traccia di coerenza, noi pensiamo – leggendo la sua storia – che si schiererà dalla parte di chi è in difficoltà. Di chi oggi piange guardando il letto ancora sfatto del proprio figlio che non c’è più.

Usa chiama Italia, rispondi Italia

Poi c’è Silvio Berlusconi. Storyteller impunito e manipolatore. Come dice Gramellini «maestro di comunicazione primordiale, che sa parlare alle budella infiammate come nessun altro». Si presenta anche lui di fronte alle telecamere (di sua proprietà) e compie un gesto esattamente opposto a quello del suo amico “abbronzato” che sta alla Casa Bianca.

Come d’incanto, spazza via dalla scena il dramma delle famiglie che non arrivano a fine mese e si posiziona lui lì, sotto i riflettori. Per raccontare la sua storia di miliardario incompreso, i suoi guai giudiziari, le sue fidanzate belle fuori ma anche dentro, «il suo prontuario (sempre Gramellini) di ricette facili e di capri espiatori fin troppo comodi».

Sull’uso dello storytelling berlusconiano ti lascio fare riflessioni in solitudine.

Mi piace farti notare ora la comunicazione che ha appena messo in campo Nicola Zingaretti, attuale presidente della Provincia di Roma e prossimo candidato per la Regione Lazio nelle file del Partito Democratico.

Usando uno stile molto “obamiano” (condivisione spinta che coinvolge in maniera diretta i potenziali elettori), Zingaretti ha scelto di comunicare la sua proposta attraverso lo storytelling personale. Sul nuovo sito racconta le tappe della vita e della carriera politica, mescolate a fotografie di ottima qualità e soggetto. Prima ancora dei singoli punti del programma, ha capito che le persone oggi vogliono fidarsi di lui, conoscere la sua integrità, il suo modo di leggere la vita di tutti i giorni, i problemi della gente, le visioni per i nostri figli.

Buona l’idea di pubblicare una doppia biografia: quella “testo più foto”, e quella solo per immagini. «Alcune fotografie raccontano la mia storia, le idee e i valori in cui credo e i progetti su cui ho lavorato e continuo a impegnarmi». Eccole le 6 parole su cui ha costruito la sua identità: storia, idee, valori, progetti, lavoro, impegno. Tutte riassunte in sole due righe introduttive.

Sotto lo slogan «Immagina un nuovo inizio», Zingaretti affronterà la campagna puntando a essere un referente tra cittadini e imprese, un motore di sviluppo in particolare sui temi della creatività, dell’innovazione e della riconversione ecologica.

Torino Storytelling

L’ultima delle domande che ti ho sottoposto all’inizio era “Conosci te stesso?”. Nessun trattato filosofico, solo qualche considerazione pratica. Partiamo da quanto scrive Christian Salmon nel suo libro «Storytelling. La fabbrica delle storie».

L’arte di raccontare storie è nata quasi in contemporanea con la comparsa dell’uomo sulla terra e ha costituito un importante strumento di condivisione dei valori sociali. Ma, a partire dagli anni Novanta del Novecento, negli USA come in Europa, questa capacità narrativa è stata trasformata dai meccanismi dell’industria dei media e dal capitalismo globalizzato nel concetto di storytelling: una potentissima arma di persuasione nelle mani dei guru del marketing, del management, della comunicazione politica per plasmare le opinioni dei consumatori e dei cittadini. Dietro le più importanti campagne pubblicitarie – e ancor più dietro quelle elettorali vincenti (da Bush a Sarkozy) – si celano proprio le sofisticate tecniche dello storytelling management o del digital storytelling.

Esiste lo storytelling etico e quello manipolatorio. Ora ti parlo solo del primo. E lo faccio raccontandoti di me.

Dopo vent’anni di vita e lavoro a Roma (sia come giornalista di cronaca e d’impresa, e sia come copywriting e formatore), ho preso il coraggio a due mani e mi sono ritrasferito a Torino (con famiglia e burattini) mia città d’origine. È accaduto da pochi mesi, e puoi capirmi quando ti dico che ho ritrovato una città molto cambiata rispetto a quella che avevo lasciato nel lontano 1989 (fa molto zio Paperone nel Klondyke).

Pensa che ti ripensa, dopo anni da dipendente mi sono rilanciato come imprenditore di me stesso con un progetto in mente (ma soprattutto nel cuore): aiutare aziende, organizzazioni pubbliche, professionisti, studenti attraverso il Coaching Storytelling.

De cheee…??

Attraverso i panni del comunicatore che ti aiuta a fare storytelling con gli strumenti del coach (e del giornalista-copywriting).

Da qui è nata Torino Storytelling, una community sul territorio che mette al centro il valore del CONTENUTO, delle PERSONE e delle loro STORIE. Una Rete che condivide principalmente due tipologie di percorso (che spesso si fondono in uno solo):

  • Servizi di Personal Branding (per valorizzare il tuo patrimonio professionale e acquisire – attraverso lo STORYTELLING – strumenti e strategie per comunicare e promuovere la tua storia e quella della tua attività, in maniera efficace e persuasiva. Una sorta di ufficio stampa 2.0 che ti aiuta a trovare lavori, clienti, visibilità)
  • Formazione sulla Scrittura Professionale (workshop, seminari, coaching, editoria per rendere più solida e affidabile la tua comunicazione efficace quando devi SCRIVERE un’email, una presentazione, un progetto, un profilo biografico, una lettera di vendita; o aggiornare i contenuti del tuo sito, del tuo blog, dei tuoi account Facebook e Twitter)

Il percorso di Torino Storytelling

Ti riassumo le 5 tappe principali finora svolte da Torino Storytelling, a partire da fine settembre 2012:

Profilo Twitter > @TorinoStorytell
Già oltre settecento followers hanno condiviso questo spazio aperto, per ritrarre e narrare #Torino in 140 emozioni. Gli utenti possono postare le loro immagini, che vengono da noi ripubblicate (a rotazione) nell’intestazione del profilo. Attraverso Twitter veicoliamo storie, notizie e valori che mettono in primo piano il cuore e la passione, non tanto la ragione dei dati e delle analisi.

Account Instagram > http://instagram.com/torinostorytelling/
Fotografando emozioni con il nostro smartphone, abbiamo seguito numerosi eventi (a Torino e non solo) nell’ottica del reportage che “scava” dietro le quinte e valorizza i tesori nascosti. È stato così per

Presentazione Onlus 1caffè – con Luca Argentero
Pepino is on MyTable – sfida tra chef e foodblogger
Io Lavoro – fiera dedicata all’incontro tra aziende e giovani
Museo La Stampa – l’area dove si racconta la storia del giornale
Salone del Gusto – rassegna internazionale dedicata al cibo dei 5 continenti
I like Palazzo Madama – giornata speciale per i fan di Facebook
Artissima 2012 – mostra internazionale d’arte contemporanea
Alef – inaugurazione del primo ristorante ebraico di Torino
Archivio storico Telecom Italia – presentazione del nuovo portale web
Presepe meccanico – costruito ai primi del ‘900
Turin Marathon – competizione podistica internazionale
Tomato Hotel coworking – reportage da un albergo 2.0 di San Salvario
Beautiful Day Ekis – giornata di formazione sul tema “il mondo alla rovescia”

Altre attività

Torino Magazine > periodico d’informazione e cultura. La rivista ci ha dedicato un servizio di sette pagine dal titolo “Torino vista da Instagram”. Oltre ad averci intervistato, ha pubblicato una serie di nostre fotografie scattate con Instagram.

Corso “Scrittura Vincente” > Torino Storytelling è andata in trasferta per erogare due giornate di formazione sulla scrittura professionale. In aula, il personale interno della società Sinergie Education ha lavorato su metodi e strategie per imparare a comunicare in maniera efficace e persuasiva, con focus particolare sulla scrittura dei progetti e delle email.

Storytelling d’impresa > abbiamo partecipato (come allievi) all’attività formativa organizzata da Lab121, rete professionale di networking e coworking. Il tema della giornata era “Cosa sono le storie d’impresa e perché fare storytelling”. Nell’occasione abbiamo conosciuto e allacciato sinergie con un gruppo di ottimi professionisti (allievi e docenti).

Prossimi appuntamenti di Torino Storytelling

Seguici su Twitter e Instagram.

Il nostro blog dove parliamo di scrittura professionale e storytelling è Scrittura Vincente.

A breve usciremo con il sito web (all’inizio molto minimal) e con la pagina Facebook.

Più avanti (febbraio?) ci sarà un evento di presentazione-formazione e, nel frattempo, tanti altri reportage.

Poi ovviamente c’è chi si rivolge a noi per beneficiare dei servizi di Coaching Storytelling. Anche tu puoi farlo, scrivendoci qui

scrivici@torinostorytelling.it

Buon Natale di cuore!

Ti auguriamo di valorizzare il tuo patrimonio e realizzare con entusiasmo i tuoi progetti. Farlo è possibile.

Ed è più semplice di quello che pensi.

Il discorso di Pericle: esempio secolare di scrittura vincente

È possibile che tu già lo conosca, o per gli studi classici che hai fatto o perché è un discorso riproposto (e periodicamente citato) da molti protagonisti della comunicazione, non solo politica .

Riletto oggi, il discorso di Pericle agli ateniesi durante la guerra del Peloponneso del 431 a.C. (la data corretta è questa, sebbene in Rete si trovi perlopiù riferito al 461 a.C.) sembra modernissimo.

Mi viene da pensare, così come ha fatto un lettore de La Stampa, che sarà pur vero che la nostra attuale società sia di gran lunga più evoluta in campo tecnologico e sanitario. Quel che sembra certo però è che dal punto di vista sociale – e soprattutto politico – siamo profondamente regrediti. Leggi tutto

Il personal branding di Pizzarotti, neo sindaco di Parma. Una comunicazione efficace e vincente

Per affinare la conoscenza delle tecniche di Personal Branding, un buon allenamento che puoi fare leggendo i giornali è quello di osservare, con una certa attenzione, la comunicazione dei politici. I ballottaggi delle ultime elezioni amministrative rappresentano un ottimo esercizio per te. I candidati infatti si presentavano di fronte agli elettori in una sfida “testa a testa”: meccanismo che implica un’esasperazione un po’ anglosassone dei tratti personali e dei toni comunicativi.

Non limitarti però alle cifre recitate da tutti i telegiornali: cerca, tra gli articoli e le interviste, di andare oltre le statistiche e di osservare invece il comportamento di chi ha avuto successo, così come quello di chi ha perso. Leggi tutto

Fornero e Monti, emozioni “rubate” al tavolo da pranzo

Per comunicare con efficacia il tuo Personal Brand, impara a raccontare te stesso e il tuo business attraverso le immagini. Non solo pensando alla diffusione via web, ma anche alla potenza che certe buone fotografie stampate possono infondere ai valori che contraddistinguono la tua attività.

Ricorderai che fino a qualche anno fa i giornali quotidiani non erano stampati a colori: le foto in bianco e nero (per via della bassa definizione) non riuscivano a trasmettere le sfumature emotive dell’evento rappresentato o della persona ritratta. Più avvantaggiati erano i settimanali, che con le loro pagine colorate e patinate evocavano maggiore forza rappresentativa. Leggi tutto

Il personal branding di Saviano: l’unico modo per vincere

È interessante analizzare il linguaggio di Roberto Saviano per capire la sua abilità di artigiano della parola, sia scritta che verbale.

Uno degli obiettivi di Scrittura Vincente! è d’altronde quello di aiutarti a comprendere con più attenzione i meccanismi che sottendono la comunicazione efficace e il modo d’esprimersi delle persone. Abituandoti a “guardare oltre”, a intuire che cosa si nasconda dietro una frase all’apparenza innocua, potrai leggere con migliori risultati le intenzioni degli interlocutori e costruire con più consapevolezza la struttura delle tue frasi.

Saviano, dunque!

Come già sai, non mi interessa entrare nel merito dei contenuti. Saviano può essere più o meno simpatico, si può essere d’accordo o in disaccordo con le tesi da lui sostenute. Qui ci è utile capire come l’autore di Gomorra conduca il marketing di se stesso, quale sia la sua linea di personal branding. Proprio perché sa di essere un personaggio che divide, Saviano è attento a non deludere i suoi due target: quelli che lo adorano e coloro invece che lo attaccano a ogni piè sospinto.

Saviano alle Invasioni barbariche

Mi hanno colpito alcune cose di Saviano ospite nel programma di Daria Bignardi su La7. C’era la curiosità di rivederlo nel ruolo di outsider, dopo sei mesi passati in America. Nei primi minuti di trasmissione, è stato intervistato da Lorenzo Jovanotti in una sorte di coup de théâtre che ha spiazzato i telespettatori delle Invasioni.

In questi primi minuti, i due hanno parlato di Berlusconi (senza nominarlo) e di Monti (nominandolo invece come prima parola dell’intero dialogo, quasi una sorta di titolo per settare da subito il livello della conversazione).

“Solo un anno fa era inimmaginabile” ha detto Saviano – privilegiando il canale visivo che aiuta a descrivere le proiezioni future – lasciando intendere “era inimmaginabile che al governo andasse un personaggio così opposto rispetto al suo predecessore”.

Saviano continua: “Il 20 gennaio scorso le agenzie di stampa battevano la notizia di Berlusconi bacchettato dalla Chiesa per i suoi comportamenti poco rispettabili”. Qui Saviano vuole consolidare il suo personaggio di persona documentata, che parla in base alle carte scritte, che è attento alle contraddizioni e che non vede l’ora di esporre i confronti SilvioB-MarioM.

E se ci abituiamo ai tecnici?

Saviano adotta un passaggio teatrale, che va a colpire tutti e tre i sistemi rappresentazionali. La frase è “Il mondo ha fatto un giro”, bella immagine per i visivi. Ma alle parole aggiunge un gesto delle mani che disegnano una circonferenza e si scontrano (cinestesico) con un suono di sottofondo (“bam”, ben gradito dagli uditivi).

Più avanti, imbeccato da Jovanotti (che faceva da spalla, visti i temi politici), introduce il tema del governo tecnico. “È vero che il tecnico è come un idraulico, ti risolve solo il problema senza darti consigli in generale sul miglioramento della casa…”. Qui i due, con un’intesa maliziosa, lasciano qualche secondo di pausa che ogni spettatore può riempire. Nel caso che qualcuno sia rimasto fermo, sono loro a completare i puntini della frase: “Se poi funziona e ci abituiamo così tanto ai tecnici, come facciamo a tornare ai politici?”.

Saviano ha necessità e urgenza di ripresentarsi come interprete del sentimento dei giovani lontani dalla politica. Sui suoi profili social (Twitter e Facebook) utilizza un linguaggio cauto, evocativo, quasi didascalico. La sua assenza dall’Italia per sei mesi era stata bacchettata da qualche osservatore come una “fuga” in America. Per evitare di far passare il messaggio “ora ritorno sul carro del vincitore”, Saviano mescola un po’ di pragmatismo anglosassone, così da giustificare il suo soggiorno a New York. Di fatto – è ciò che sta dietro le sue frasi – non si è trattato di fuga ma di un periodo di studio e confronto. In verità ha potuto rifiatare rispetto alle stringenti misure di protezione a cui è sottoposto in Italia.

Tanto è vero che i giovani di Zuccotti Park l’hanno chiamato a parlare come interprete dell’Italia che reagisce alle mafie. È una sorta di patente di fedeltà alla causa, la sua. Un master preso sul campo della protesta americana, laddove gli indignati sono ferocemente determinati e abili nella comunicazione “al punto – testimonia Saviano – da mettersi in fila ordinatamente per farsi arrestare” (e qui scatta il paragone implicito con le proteste di piazza San Giovanni a Roma, dove i black bloc misero a ferro e fuoco mezza Capitale).

Per sostenere la causa che Monti vada sostenuto anche oltre il suo mandato naturale, lo scrittore rilancia il tema “la politica dovrebbe essere visione”. Ottimo per i visivi e utile invece per i cinestesici ‘concreti’ il passaggio quando aggiunge “è come nella vita: progettualità, costruzione, non soluzione immediata”.

L’ossessione per le mafie

Chiudo con alcuni riferimenti che Saviano – sempre spalleggiato dall’amico e ammiratore Jovanotti – porta di se stesso. Del suo brand personale.

“Così elegante sembri un boss” gli dice (divertito per il doppio senso) il cantante. “Ho cercato di essere più presentabile” risponde Saviano. Qui torna ancora il tema dell’auto-immagine di persona “impresentabile”, che alla fine si rifà all’unico modello che gli incute ribrezzo (e forse ammirazione): il boss!

C’è un po’ di ossessione – lo confessa lui stesso – nella simbiosi con il tema delle mafie. Va bene che per rafforzare il personal branding occorre essere super-specializzati. Ma in qualità di grande esperto di criminalità organizzata, Saviano ci racconta che per lui le mappe delle città nel mondo non sono quelle turistiche, bensì quelle delle bande di quartiere.

Sempre in tema look, ecco il riferimento alle scarpe consumate camminando per New York (messaggio implicito: qui in Italia non posso fare nemmeno un passo da persona libera).

L’unico modo per vincere

In chiusura Saviano mi ha strappato un sorriso amichevole. Si parla della crisi che ha falciato posti di lavoro, speranze, fiducia nel futuro. Lo scrittore si ribella a questa immagine di rassegnazione e porta il paragone di se stesso, partito senza aiuti da un paesino in provincia di Caserta. Che è emerso dal nulla grazie alla forza delle sue parole. La parola al centro. La parola scritta, la parola urlata e persino sussurrata. “Questa crisi è un’occasione – ha detto – è inutile inseguire un lavoro sicuro. Quello schema non esiste più, ce l’hanno tolto da sotto gli occhi. Tanto vale fare quello che uno sente, trasformare le proprie passioni in una professione, in un mestiere. Saremo più convincenti, staremo meglio. È l’unico modo per vincere”.

Bravo Roberto.


Saviano: «A New York per sfuggire dalla cattiveria»

La puntata delle Invasioni Barbariche

Se vuoi approfondire questi temi, leggi anche:
La Pnl applicata al discorso di Mubarak

La comunicazione persuasiva di Giuliano Ferrara

Che c’entrano Monti e Berlusconi con Grinzane Cavour?

Nella comunicazione efficace, uno dei passaggi chiave è la delicata arte della ristrutturazione. L’esempio più conosciuto è quello del bicchiere d’acqua mezzo pieno. O mezzo vuoto. Dipende ovviamente dal punto di vista, dal fatto che tu sia ottimista o pessimista.

Ristrutturare significa ri-strutturare la percezione dell’altra persona, in modo che veda la situazione diversamente. Per fare questo, è importante essere capaci di vedere attraverso la cornice attuale di chi ti sta di fronte. Una cornice di riferimento che tu stesso devi condividere. Queste le domande:

  • Sei in grado di capire come sta percependo la situazione?
  • Sai assumere il suo punto di vista?
  • Sei capace di porti lo stesso tipo di domande che si sta ponendo?
  • Sei in grado di sentire ciò che sta sentendo?

Le ristrutturazioni sono fondamentalmente di due tipi: di contesto e di contenuto. Lo stesso contenuto – perché sia efficace – deve sapersi adattare ai diversi contesti. Oppure se è il contenuto a rimanere integro, dovrà essere la cornice ad adattarsi affinchè lo scambio sia proficuo per entrambi.

Prendiamo un esempio facile: Silvio Berlusconi. Il nostro ex premier è molto abile sia a ristrutturare se stesso (anche se in rari momenti, riesce a vedere le conseguenze positive di adattarsi a contesti formali) che la cornice (una sconfitta elettorale può essere letta e interpretata in mille modi, anche con risvolti utili). Leggi tutto