Navigate / search

Metti per iscritto il tuo rapporto col denaro

Oggi ti voglio parlare di denaro, e di come la scrittura possa aiutarti ad allenare una mentalità vincente in questo campo.

Prendo spunto da un ottimo e-book gratuito realizzato dalla redazione editoriale degli amici di Hi-Performance. Si tratta dell’ultimo numero di “Aspettando Anthony Robbins”, magazine che anticipa parte dei contenuti di cui parlerà Robbins stesso nel grande evento internazionale di Rimini del prossimo 23 settembre.

Anthony Robbins non ha bisogno di presentazioni. È il numero uno al mondo per quanto riguarda i corsi sullo sviluppo e sul miglioramento personale. È la persona che, in oltre 30 anni di esperienza, ha insegnato le strategie per trarre il meglio dalla propria vita a personaggi della politica, del business, dello sport e dello star system internazionali: intendo gente come Donald Trump, Mikhail Gorbachev, Bill Clinton,  Michael Jordan, Serena Williams. Leggi tutto

I 5 errori classici di una redazione web

Sul suo sito, il belga Jean-Marc Hardy – progettista  ed esperto di écriture web – elenca i 5 principali errori che ancora (in piena epoca 2.0) vengono compiuti da molte redazioni di siti internet.

I blocchi di testo

Non c’è nulla di più ributtante di un grande e fitto blocco di testo. Dai aria ai tuoi contenuti, movimentali con rubriche, video, immagini. Usa i menu laterali in maniera sintetica e incisiva.

Le brochure copincollate

Quando fai taglia e incolla, il tuo lettore se ne accorge immediatamente. I contenuti di fonte cartacea vanno adattati per la versione digitale. Parole d’ordine? Originalità, concisione, linguaggio personalizzato.

Il vuoto dei superlativi

“Il mio prodotto, è bellissimo!” Il mio servizio è fantastico!” Gli utenti fuggono uno stile promozionale a senso unico. Vogliono qualcosa di concreto. Meglio ancora se referenziato.

Introduzioni interminabili

“Benvenuti in questo nuovo sito che offre una panoramica della nostra gamma di servizi essenziali…” Blah Blah… Stop!

Gergo poco chiaro

Amministrativo, legalese, commerciale, medico-scientifico… Non funziona! Opta per un linguaggio semplice ma non semplicistico.

Merci, Jean-Marc 🙂

Leggi anche:

Come non scrivere una email (semiserio)

Per i prossimi giorni ho in lavorazione un post più corposo che contiene consigli per te su come scrivere un’email, specialmente in chiave marketing.

Ora però, prendendo spunto da svariate email personali e trovate in Rete, ti sottopongo una breve lista di suggerimenti su come non scrivere un’email:

L’oggetto misterioso

Evita come la peste parole generiche che devono essere interpretate dal destinatario. Nell’oggetto di un’email, singoli termini come

  • consiglio
  • aiuto!
  • dubbio
  • contatto
  • brochure
  • progetto

non sono immediatamente comprensivi e potrebbero far saltare i nervi al nostro interlocutore. Meglio un oggetto che contenga la sintesi del tuo messaggio: