Navigate / search

Red Ronnie: autogol o paraculata?

Ormai il ballottaggio Moratti-Pisapia alle amministrative di Milano è un case-history da utilizzare durante i seminari sui social network.

Ti è capitato di seguire il tam tam scatenato in Rete? A partire dal “colpo basso” assestato dall’attuale sindaco allo sfidante – durante il faccia a faccia in diretta su Sky – si è capito che i social avrebbero avuto un ruolo importante e decisivo per questa tornata elettorale.

Credo che il nuovo vento partito da Milano stia in qualche modo transitando per la Rete. Non so cosa ne pensi, ma un’offensiva “social”, nel bel mezzo di una sfida elettorale, rappresenta di fatto una prova del cambio di stagione. Quasi un allineamento tardivo al peso che i media digitali hanno dimostrato in occasione – ad esempio – delle elezioni di Barack Obama.

#RedRonnieQuotes

Fatto sta che su Twitter sono partiti quattro canali ad hoc:

  • #SeVincePisapia, che immagina il capoluogo lombardo da lunedì 30 maggio, quando il candidato del Pd potrebbe diventare sindaco
  • #MorattiQuotes, con le frasi più assurde (e, nella maggior parte dei casi, inventate) del primo cittadino uscente
  • #SantanchéQuotes, con il pensiero della pasionaria del Pdl
  • #RedRonnieQuotes, creato dopo le polemiche del cantautore contro l’effetto Pisapia

Quest’ultimo canale è stato generato dopo che Red Ronnie, consulente della Moratti, ha attribuito all’effetto Pisapia la cancellazione di un concerto previsto per domani, otto giorni prima dell’eventuale vittoria di Pisapia.

Risultato? È partita la corsa allo sberleffo!! Leggi tutto

Come non scrivere una email (semiserio)

Per i prossimi giorni ho in lavorazione un post più corposo che contiene consigli per te su come scrivere un’email, specialmente in chiave marketing.

Ora però, prendendo spunto da svariate email personali e trovate in Rete, ti sottopongo una breve lista di suggerimenti su come non scrivere un’email:

L’oggetto misterioso

Evita come la peste parole generiche che devono essere interpretate dal destinatario. Nell’oggetto di un’email, singoli termini come

  • consiglio
  • aiuto!
  • dubbio
  • contatto
  • brochure
  • progetto

non sono immediatamente comprensivi e potrebbero far saltare i nervi al nostro interlocutore. Meglio un oggetto che contenga la sintesi del tuo messaggio: