Navigate / search

Anthony Robbins: il reportage dell’Upw 2011 di Rimini

A 48 ore dalla fine del corso di Anthony Robbins a Rimini, sento un’energia nuova dentro di me. Una forza che – in questi ultimi tempi – era rimasta nascosta dentro, bloccata da mille paure. E che ora, finalmente, è riuscita a sprigionarsi verso la vita.

A caldo, appena rientrato a Roma, ho scritto un reportage sul Upw che ho inviato al mio amico e mentore Nello Acampora. Lui ha deciso di pubblicarlo sul suo blog personale, e di questo lo ringrazio di cuore.

Ti propongo il testo così come l’ho scritto di getto. Lì dentro ci sono le emozioni meravigliose grazie alle quali ho piantato un nuovo seme.

Che ora crescerà, con gioia.

.

Roma, notte del 27 settembre 2011,

Vi dico solo che prima di partire per il corso di Tony prendevo la melatonina per regolarizzare il mio sonno. Ora ho capito che basta solo la Tonyna…!!

Cercherò di riassumervi in poche righe un fiume di emozioni e sensazioni fisiche che hanno colmato il mio cuore e quello di circa settemila partecipanti durante il week-end appena concluso. Anthony è stato a Rimini per quattro fantastici giorni e si è concesso con la consueta generosità ed energia strabiliante di cui solo lui è capace. Per questo è il numero uno dei coach.

Tony, non avevo dubbi, ha mantenuto le promesse: mi ha davvero consegnato un set di strumenti per sprigionare il potere che è in me e creare un impatto positivo e duraturo nella mia vita.

Questo corso è più che altro un percorso appena cominciato, è lo slancio per alzarsi dalla sedia, per muovere i primi passi, per abituarci a sentire l’energia scorrere nelle nostre vene. Quando siamo in questo stato, nulla ci è davvero precluso. In ogni caso, anche nei momenti meno vitali, staremo camminando nella giusta direzione, liberi dalle catene delle credenze depotenzianti.

Un’alba nuova

Dopo la notte in hotel – ero giunto da Roma la sera precedente l’inizio del corso – al mattino mi sono alzato presto per fare una passeggiata in riva al mare, respirare ossigeno e riordinare un po’ i pensieri.

La mia voce interiore diceva “Sarà una grande esperienza, tornerai carico e farai chiarezza sui tuoi obiettivi”. Nello stesso tempo c’è sempre una parte in ognuno di noi che fa da contraltare critico e rilancia: “Se non sbaglio, anche altre volte ti eri ripromesso di allineare le tue azioni con i tuoi propositi… E allora? Come è andata a finire?”

La passeggiata però è davvero servita. Operai riminesi stavano smontando le infrastrutture negli stabilimenti, ma il clima non era di smobilitazione negativa. La gente lavorava sorridendo, c’era un sole di angolazione autunnale. Qualcuno faceva passeggiate sul bagnasciuga, i gabbiani libravano nel cielo, si respirava un’aria carica di promesse e nuove stagioni della vita.

È stato quando ho scorto, abbandonato sulla sabbia, un piccolo oggetto rosa – un sandaletto di gomma per bambine – che mi sono detto “È ora di ripartire!”. Sulla minuscola scarpina era disegnata una faccetta sorridente con la scritta “Smile”. Ho sentito il sorriso tornare a sgorgare dentro di me.

La clessidra della mia vita

A cinque ore dall’inizio la Fiera di Rimini era già presa d’assalto – in maniera assolutamente pacifica e ordinata – da un fiume di persone provenienti da ogni parte del mondo (46 nazioni diverse), che si stavano dando appuntamento in quel luogo per crescere insieme e condividere valori sani come il coraggio e il senso di responsabilità.

Il mio tagliando era di prima fila: mi sentivo privilegiato e al tempo stesso affamato di energia propulsiva. Avrei visto questa persona straordinaria da pochi metri, avrei incrociato il suo sguardo in maniera diretta, avrei sentito il rumore dei suoi passi sul palco.

Quando hanno aperto le porte di questo gigantesco padiglione, per un attimo, mentre la marea di persone affluiva verso la sala, ho guardato il varco dell’ingresso e ho pensato a una clessidra. Si proprio a una clessidra. La mia vita fino a quel momento si era riempita di sabbia, gioie, dolori, persone, emozioni. Ora, passando nella strettoia della porta stavo entrando nella seconda parte della clessidra. Una vita più piena di passione ed emozioni mi aspettava, più energica.

E la previsione si è avverata: per quattro giorni sono entrato in sintonia con il progetto di Tony, con la sua voce (tonante ed efficace), con la sua fisicità (indescrivibile), con il suo sorriso che scalda i cuori e che credo sia il vero segreto del suo successo.

Robbins sul palco è di un’energia sovrumana, ma è umanissimo quando apre le porte della sua storia al mondo. Facendo commuovere e ridere e saltare e cantare e ballare migliaia di persone tutte insieme.

Si è parlato della nostra vita a 360 gradi. Di bisogni primari, di motivazione al cambiamento, di relazioni e del potere di una squadra. Si è parlato di ricette emotive e pulsioni d’amore, di valori e credenze, di strategie per far crescere il nostro business e la nostra intimità familiare. Di come gestire al meglio il tempo e le finanze. Di come ottenere un corpo fisico energico e vitale.

Le giornate (e le nottate) con Tony sono state straordinarie. Un seme di libertà interiore si è insediato dentro di me e nulla potrà sradicarlo. La pianta ora non può fare altro che crescere. E quando ci saranno degli ostacoli, sarà lei a trovare la spinta propulsiva per affrontarli e continuare la sua missione.

Quando ognuno di noi si allinea con il proprio talento, e si libera di tante paranoie e assurdità mentali, inizia a sentirsi attraversato da una sensazione magica.

È come andare in barca a vela, sciare in armonia con la neve soffice, volare con un deltaplano verso il sole. È la vita, e in quei momenti puoi stringerla tra le mani e portarla dentro il cuore. Per sempre.

.

Leggi anche:

Oggi ho deciso di autopromuovermi

Il mio reportage sul blog di Hi-Performance

.

Comments

morena
Reply

vero ci sono basi della pnl che riescono a far uscire la personalità più insabbiata…….. dobbiamo aver fiducia in noi stessi….. essere positivi è fondamentale………. grazie della comunicazione anche da parte di chi non si è ancora addentrato in questo ambito vero supradin allo stato puro ciao morena

Alessandro
Reply

Ti ringrazio Morena, in effetti è un vero Supradin che si autoalimenta. Questa è la magia…

Francesco
Reply

Gran bel pezzo Alessandro, veramente intenso e sentito, sono davvero contento che tu abbia sperimentato tutto questo.
E grazie davvero per averlo condiviso!

Alessandro
Reply

Grazie Francesco, sono sicuro che sei entrato in grande sintonia con le cose che ho scritto. Lo vedo dalla passione con cui stai svolgendo la tua professione di coach.
Un abbraccio grande.

Stefania
Reply

Bellissimo, grazie mille mi hai riportato un pezzetto di Tony , ma sopratutto ho capito perfettamente qual’è quella forte Emozione, quella magia che senti dentro, è ora di partire anche per me e farò tesoro di queste belle ed efficaci parole che hai usato, grazie Ale e spero a presto Stef

Alessandro
Reply

Tu sai creare magia! E sai a cosa mi riferisco… Sei pronta a partire.
Un abbraccio forte, anche ai piccoli.

Daniele
Reply

Grazie Alle per le splendide emozioni che hai trasmesso in questo pezzo. E’ stato davvero un piacere leggerlo. Ho sentito dentro tutto quello che ho provato nel partecipare in questi ultimi 2 anni agli eventi di Robbins. E quando nel leggere provi e senti emozioni vuol dire che chi ha scritto ha proprio utilizzato una “Scrittura vincente”!!
Grazie :))

Alessandro
Reply

Grazie carissimo! E’ anche per merito del tuo lavoro come assistente che l’evento di Robbins si è trasformato in un’esperienza indimenticabile.

aurelio
Reply

Grrrrraannnnnnnnnnnnde Alessandro,
ciò che la vita ti ha dato è solo un granello di sabbia di quella clessidra, ed ora Ti sta ricompensando.
Sono daccordo con Te, bisogna aprirsi sempre al nuovo,ed accogliere con flessibilità ed ottimismo ogni “nuovo evento” – Tony docet.
Senza ottimismo ogni progresso è una vana speranza.
E soprattutto chi desidera un Futuro nuovo, deve fare cose mai viste prima.
Cose che Tu puoi insegnare ed hai deciso di farci conoscere.
Un meraviglioso potente abbraccio con tanta “dattilotonina”.
Aurelio

Alessandro
Reply

Sto correndo all’ufficio brevetti per registrare la “DattiloTonina”…!!!
Ovviamente ti spetta il 50% sui diritti 🙂
Ciao grandissimo Aurelio, maestro di ispirazione e simpatia.

Mavi
Reply

Grande Ale!! Le tue parole mi risuonano dentro… E soprettutto mi hai ricordato che dentro di me ho un potere immenso,devo solo farlo uscire!!
GRAZIE grande Ale!! Un abbraccio immenso, Mavi

Leave a comment

name*

email* (not published)

website