Navigate / search

Scrivere un discorso: la performance di Berlusconi

Scorrendo le immagini televisive, ti è capitato di osservare qualche passaggio del discorso con cui Berlusconi ha chiesto la fiducia alle Camere?

Pensaci un attimo. Di queste giornate convulse per la politica del nostro Paese – oltre al ricordo della bolgia in Parlamento e agli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine lungo le strade della Capitale – resterà agli archivi l’intervento con cui il premier ha convinto alcuni deputati a votare per il sì al suo governo.

Un discorso sobrio, nel quale il Cavaliere ha proposto un patto ai moderati e ha ribadito che una crisi al buio sarebbe stata una follia.

È interessante riassumere l’attenta analisi fatta dal quotidiano La Stampa in merito alle parole chiave usate e alla comunicazione non verbale messa in campo dal presidente del Consiglio.

Chi scrive un discorso per un personaggio così complesso come Berlusconi deve tenere conto delle sue capacità carismatiche, cercando di valorizzare i sentimenti e i messaggi che è strategico far passare. Al di là delle singole frasi pronunciate.

Le parole chiave

Il premier ha usato tre termini con grande ripetitività: governo, popolo e crisi. Leggendole in controluce, rappresentano una sequenza che suggerisce al suo popolo (e non solo a quello che vota per lui) come l’attuale governo sia l’unico ad avere i mezzi per far uscire il Paese dalla crisi. Molto usate anche Paese, oggi, responsabilità, moderati.

La gestualità

Nella lunga maratona al Senato, il premier ha spesso accompagnato gli interventi dei senatori con alcuni gesti.

  • A Luciana Sbarbati, con gesti delle mani per negare di essere legibus solutus (sovrano assoluto non soggetto alla legge), e andando poi a parlarle di persona.
  • A Pancho Pardi, con sorrisi sfidanti e un gesto eloquente per dargli del matto quando il capogruppo Idv lo accusa di retorica “fallocratica”.
  • Pollice in su per apprezzare alcuni interventi di maggioranza (Ramponi, Bodega, Quagliarello).

Le battute

  • Sui suoi rapporti privilegiati con Putin, rivolto ai banchi della sinistra: “Voi stavate con l’Urss quando non dovevate starci, e ora che dovreste avere a cuore la federazione russa, siete contro…”
  • Rispondendo agli applausi provenienti dalla sua maggioranza: “Vorrei ricordare che avendo un’età catacombale (recenti parole di Casini) questi applausi potrebbero farmi male”.

Fuori programma

  • Per sfidare la noia e vincere il sonno, durante le lunghe sessioni parlamentari Berlusconi ha ordinato e sorseggiato più di un caffè.

  • Mentre si susseguivano i discorsi dei rappresentanti delle diverse forze politiche, il premier ha mostrato il suo lato tecnologico, distraendosi un po’ con l’Ipad del ministro Carfagna.

Il biglietto a Cicchitto

“Viespoli e Bocchino, due discorsi opposti! Come fanno a stare nello stesso partito!”. È questo il testo del biglietto che Berlusconi ha inviato al capogruppo del Pdl, Fabrizio Cicchitto, nel corso della discussione alla Camera. Il suggerimento è stato raccolto al volo da Cicchitto, che nel suo intervento ha infatti rimarcato i differenti toni utilizzati dai due futuristi.

Comments

Gianluca G.
Reply

Un articolo molto interessante.
Mi puoi dare qualche dettaglio sull’articolo de La Stampa così lo cerco sulla rassegna della camera?
Grazie!

antonio
Reply

caro presidente, per me possono dire tutto quello che voglio in tv ma io nonostante sono un ragazzo del sud disoccupato e economicamente in disagio ti ammiro perchè tutto quello che ora hai so che lo hai costruito tu con le tue forze e la tua inteligenza partendo da zero ho letto su google la tua storia e mi ha affascinato moltissimo, e secondo me per crescere soprattutto il sud italia ci dovrebbe essere un po di berlusconi in ognuno di noi,spero un giorno di avere un minimo di inteligenza che hai avuto tu ….magariii p.s. sei un grande per me sei un mito e non lo dico per comprarti o per come si dice per leccarti il c….. lo dico perchè lo penso davvero anche perche so che questa email nemmeno la leggerai cmq ti saluto e buon lavoro mi paicerebbe un giorno stringerti la mano e dirti di persona che sei un grande sei un mito italiano fregatene dell’invidia perche nn sanno dove appellarsi x farti cadere W BERLUSCONI SEI GRANDEEEEE

Livia
Reply

Dude, that first photo is an absolute classic. Two gunslingers coming into town. How appropriate for Leadville. The shots I've seen from Rob O'Dea on this and Du#n&nac39;s sites are some of the best trail running photos I've ever seen. Nice effort on Saturday! Next time.

Daniele
Reply

salve signor silvio berlusconi,scrivo a lei perché non so più come fare.dopo 47 giorni mi è stata respinta la domanda bonus 600€ con motivazione che non faccio parte della gestione separata(COSA FALSA)!Ho scritto diverse email al INPS e al governo senza nessun riscontro.Quesi pochi soldi che avevo da parte in due mesi sono finiti ed ora anche se sembra assurdo ma ho seriamente bisogno di queste 600€ poiché non so più come fare!spero che in qualche modo voi o chi per voi legga questa email mi possa aiutare.
Colgo l’occasione per porgerle i miei saluti…

Leave a comment

name*

email* (not published)

website