Navigate / search

Apple Store e sexy-apps: intervista ad Alessio Zito, Ceo di Command Guru

Sei appassionato di iPhone, iPad e di tutti i prodotti Apple? Sarai allora senza dubbio una persona attenta a tutte le dinamiche di marketing e iniziative di comunicazione che stanno dietro al colosso di Cupertino.

Ad essere molto colpiti dal brand Apple sono certamente quei fans in fila, imperterriti, da circa 48 ore. Dove e perché, ti chiederai.

Se non lo sapevi, alle ore 10 di sabato 13 ottobre apre a Torino l’Apple Store più grande d’Italia. Ecco, a Torino, in via Roma, in queste ore staziona un manipolo di (come chiamarli?) super-esperti del mondo Apple che vogliono stare in prima fila ogni qualvolta accadono eventi di questa portata. Un po’ troppo fanatici? Indubbiamente sì. Ma evidentemente le leve motivazionali che stanno dietro al mondo Apple sono così forti da generare fenomeni del genere.

Apple però non è solo Mac e iPhone. Le apps disponibili nello store virtuale sono ormai tantissime, al punto da aver cambiato il nostro modo di utilizzare i dispositivi mobile.

In questo blog ci interessa approfondire per te anche qualche aspetto legato al marketing delle applicazioni. Per questo Scrittura Vincente ha contattato e intervistato Alessio Zito, fondatore e CEO di Command Guru.

A capo di una software house italiana – nata nel 2009 per sviluppare applicazioni per iPhone, iPad e Mac OS X – oggi Zito sta curando un’app in fase di lancio che sta avendo grandi riscontri anche nel mercato anglosassone. Stiamo parlando di Meetings, l’applicazione descritta come “semplice, veloce e… sexy!”

Alessio, la tua azienda, Command Guru, è specializzata in applicazioni per la produttività. Da dove nasce l’idea di un’applicazione per gestire con eccellenza le informazioni e gli appunti di un meeting?
Nasce dall’esigenza che avevamo noi internamente di fare riunioni di qualità. Abbiamo cercato in lungo e in largo, ma abbiamo trovato solo applicazioni troppo complicate e piene di cose inutili, che invece di aiutarti a fare un meeting aggiungono solo un ulteriore ostacolo. I meeting sono la linfa vitale dell’azienda, deve essere piacevole farli, perciò abbiamo deciso di fare l’applicazione adatta: semplice, veloce e… sexy.

Come mai le riunioni – sebbene siano strumenti indispensabili per la vita aziendale – continuano a essere male organizzate e gestite in modo inefficace?
È un circolo vizioso: riunioni mal organizzate portano a scarso interesse per le riunioni successive, che quindi saranno sempre meno efficaci e organizzate sempre peggio. Il problema principale è che manca un metodo e ormai in molte aziende si fanno riunioni per abitudine, senza preparare adeguatamente i partecipanti, impegnando inutilmente alcune persone e senza definire chi deve fare cosa. Noi abbiamo studiato a fondo il problema per diversi anni, con innumerevoli scenari in parecchie aziende. Abbiamo scoperto che il meeting comincia quando decidi che è da fare. Va definito l’obiettivo in modo chiaro, chi deve partecipare e chi no, poi stilato l’ordine del giorno. Alla fine abbiamo sintetizzato tutto in un’applicazione che ha tutto quello che serve, ma niente di più.

Quant’è importante in un meeting raggiungere un obiettivo prefissato?
È fondamentale. Il punto è che raramente si fissa un obiettivo… Ormai lo scenario tipico è di un po’ di persone che si trovano in una stanza per abitudine e senza sapere più il perchè, che se possono usano Facebook dall’iPhone invece che partecipare. Per molti riunione significa solamente perdita di tempo. In realtà le riunioni sono la cosa più importante che ci sia. Le aziende che non se ne rendono conto oggi, probabilmente domani non ci saranno più.

Uno strumento per gestire un meeting può essere un beneficio per tutti i partecipanti?
Sicuramente: è un circolo virtuoso. Con uno strumento si organizza un meeting efficace. Un meeting efficace da soddisfazione a tutti i partecipanti. I partecipanti soddisfatti ottengono migliori risultati e contribuiscono a far crescere l’azienda e ad organizzare meeting sempre più efficaci.

Come si inserisce l’app Meetings nel percorso di crescita di Command Guru?
Meetings sintetizza le caratteristiche delle nostre applicazioni di produttività: funziona subito, è semplice, veloce. Ha il suo fascino. Ed è l’unica applicazione per meetings con l’Italian touch!

E tu, che ne pensi di Apple? Felice di esserne cliente od orgoglioso di non averci mai avuto a che fare?

.

Vai al sito Command Guru

.

Leggi anche
>> Comunicazione persuasiva: il caso dell’iPhone bianco
>> Marketing dal vivo nel nuovo Apple Store di Roma
>> Trony a Ponte Milvio, analizziamo l’efficacia della comunicazione persuasiva

Comments

Leave a comment

name*

email* (not published)

website